Osteopatia Biodinamica

Osteopatia Biodinamica

Molto spesso accade che i miei pazienti mi chiedano a fine trattamento come mai sia rimasto fermo con le mani poggiate su alcune parti del corpo per quasi tutto il tempo della seduta, senza muoverle come avviene col tradizionale trattamento osteopatico, spiego che si tratta di un approccio terapeutico che si chiama biodinamica meglio detta “Movimento Presente e Quiete” (pratica terapeutica che si consegue in tre anni di corso dopo esser diventati osteopati).

In cosa consiste però quest’approccio terapeutico?

Mentre le tecniche osteopatiche si applicano nella stessa maniera sui diversi pazienti, la biodinamica esalta l’individuale capacità del corpo di autocorreggersi, quindi di generare processi di autoguarigione.

È risaputo infatti che chi governa la funzionalità del corpo sono le leggi della fisica ma, in particolare è la fisica quantistica che ha spiegato perché si verificano eventi di ripristino e potenziamento della salute attraverso questo approccio terapeutico.

L’osteopata valuta i movimenti dei tessuti e dei fluidi corporei, appoggiando delicatamente le mani (principalmente su cranio, sacro, colonna, caviglie, ventre) e successivamente cerca di ristabilire un riequilibrio, favorendo le funzioni della linfa, dei liquidi intra ed extra cellulari e del liquido cefalo-rachideo.

In questo modo il paziente si riconnette con la sua stessa natura, ovvero con le strutture embriologiche originarie ripercorrendo durante il trattamento le varie tappe di sviluppo delle diverse strutture. Così facendo, si avvia verso un processo di autoguarigione, tramite la riorganizzazione di eventuali disequilibri che possono aver perturbato l’organismo in un qualsiasi momento recente o remoto.

QUANDO SERVE

Il campo d’applicazione è molto ampio:

  • disfunzioni neonatali strutturali e/o funzionali
  • disturbi comportamentali nel bambino
  • gravidanza e post-parto
  • alterazioni del sistema immunitario
  • alterazioni del sistema endocrino
  • disturbi osteoarticolari e viscerali
  • anomalie cranio-facciali
  • squilibri conseguenti a terapie farmacologiche (antibiotici, chemioterapici, radioterapici, vaccini, anestesie, ecc…)
  • stress, ansia, depressione, menopausa
  • …ecc.

La biodinamica non ha controindicazioni e si applica a tutte le età, dal neonato alla persona anziana.